Vai ai contenuti

ApARTe°1 – Febbraio 2000

L’1 febbraio 2000 termina il lavoro per costruire il primo Quaderno Creativo ApARTe°: materiali irregolari di cultura libertaria. Un numero al quale sia “Linea Grafica” che “MODO” dedicano alcune entusiastiche pagine. La copertina è candida e già presenta i percorsi che si intendono seguire: arte e anarchia, ricerca, tracce, emozioni, progetto. All’interno un disegno di Fabio Santin che ritrae i primi 24 collaboratori ed un eccezionale CD dei Judas 2 con Pete Wright e Martin Wilson eredi del gruppo anarcopacifista-punk CRASS. Anticipazioni e presentazioni nei “Lavori in Corso” poi il taglio dei fogli prosegue in un modo abbastanza informale. Una linoleumgrafia di Nicola Sene appare per poi ricomparire alcune pagine più avanti; su di un quadratone rosso leggiamo la poesia “les Anarchistes” di Leo Ferrè; Pino Bertelli scrive di Tina Modotti e della sua rivoluzionaria fotografia;  Gianfranco Marelli aggancia l’iper-realtà alla società dello spettacolo ed all’estasi della comunicazione. Il paginone centrale, annunciato da un piccolo triangolo rosso si apre con la riproduzione dei quadri di Rino De Michele e Fabio Santin, “Anarchici!” con la critica di Franco Buncuga ed uno scritto di Rino De Michele.
Un ampio spazio viene poi  lasciato alla poesia con componimenti di Jack Hirschmann, Carmine Mangone, Gabriella Gianfelici, Sandro Mattiazzi, Ferruccio Brugnaro, Benito La Mantia. Paola Brolati scrive del “Teatro fuori luogo” a cui segue l’elenco di una serie di scadenze ed iniziative che interessano l’arte postale (mail art). Il regista Bibi Bozzato, con “Video duelli” ci invita a abbandonare le impossibili strade degli effetti speciali a tutti i costi ma di puntare sull’intelligenza ed ad un cinema low-fi. Il gatto di Steinlen si staglia serigrafato su una pagina assolutamente nera e ne scrive Alberto Ciampi in “Il gatto nero del piccolo Piero”
La quarta di copertina ospita l’articolo di Andrea Chiarantini e Kiki Franceschi “Riscrivere l’astrattismo” con interventi  manuali direttamente sulla pagina. Allegato il n°1 de “il martello: giornale di scrittura, di politica, di disfatta” a cura di Adriano Accattino.

Torna ai contenuti